(5 impressioni)
In gruppo italiano  Fatti in casa
Bici

Spagna

Il Regno d’Aragona

Tra western e Reconquista!

da 980 €

7 giorni / 6 notti, hotel 3/4*

da 941 €

Con Sconto Prenota Prima

per partenze successive al 16.08.2020 incluso

Prenota 4 mesi prima e riceverai uno sconto del 4% o l'assicurazione annullamento Globy Giallo inclusa: la più completa, non la solita polizza base!

chiudi X

Cod. ES086

  • Info

    Formula vacanza

    in gruppo italiano

     

    Date di partenza

    dal 16.08.20 al 22.08.20
    dal 23.08.20 al 29.08.20

     

    Quota per persona in camera doppia
    980 € hotel 3/4* e pousadas

    Quota comprende

    • accompagnatore Girolibero
    • transfer da aeroporto Barcellona a Alquézar
    • 6 pernottamenti con colazione
    • 4 pranzi picnic
    • 4 cene
    • trasporto bagagli
    • mezzo di supporto al seguito con meccanico
    • assicurazione medico/bagaglio


    Quota non comprende

    • viaggio per Barcellona e da Saragozza
    • rimanenti pasti e tutte le bevande
    • ingressi a musei/monumenti
    • quanto non specificato nella “quota comprende”


    Supplementi per persona
    270 € camera singola
    85 € noleggio bici
    190 € bici elettrica
    15 € caschetto

  • Itinerario

     

    1° Barcellona – Alquézar
    Ritrovo con il gruppo e l’accompagnatore all’aeroporto di Barcellona e transfer per Alquézar. Siamo nei Prepirenei, zona di montagne che arrivano ai 2000 m e solcate da stretti e profondi canyon. Queste sono le terre della primissima “Reconquista”, il periodo che vide gli eserciti cattolici riprendersi i domini moreschi in Spagna.
    E anche la toponomastica ce lo ricorda: Alquézar = al qasr = la fortezza!
    Pasti inclusi: cena.
    Pernottamento: hotel.

    2° Alquézar
    In questa giornata libera scopriamo l’eccezionale villaggio medievale che ci ospita. I più avventurosi potranno cimentarsi nel canyonig lungo lo stretto e sinuoso varco creato tra le rocce dal fiume Vero.
    In alternativa ci sono 2 bellissime passeggiate: la prima fino al ponte di Villacantal del XVI secolo che collega le due sponde del Vero ed è posto in lungo di non facile accesso, almeno all’epoca; ciò dimostra la straordinaria importanza di Alquézar nei secoli passati.
    La seconda camminata inizia direttamente dal borgo, si scende al fiume e lo si costeggia su delle passerelle sospese sul canyon.
    Al ritorno, ci attende un po’ di relax nella piscina dell’hotel.
    Pasti inclusi: colazione.
    Pernottamento: hotel.

    3° Alquézar – Huesca (60 km)
    Tutti in sella! Circondati da pareti verticali scavate nei secoli dall’acqua attraversiamo il Parco naturale della Sierra y los Cañones de Guara.
    Il paesaggio è incredibilmente surreale, semi-arido e ricco di pinnacoli chiamati “mallos”, paradiso per gli amanti dell’arrampicata: il luogo perfetto per sentirsi dei cavalieri erranti a metà tra Don Chisciotte e John Wayne.
    Tra mandorli e ulivi gustiamo il nostro pic-picnic presso la piccola e isolata Ermita del Viñedo, prima di raggiungere Huesca, capoluogo della provincia, un’elegante cittadina dal passato illustre e dal centro curato dove svetta l’elegante cattedrale gotica.
    Pasti inclusi: colazione, pranzo picnic e cena.
    Pernottamento: hotel.

    4° Huesca – Castello di Loarre – Murillo de Gállego (55 km)
    L’importanza strategica di Huesca ai tempi della Reconquista ci è chiara mentre la lasciamo alle spalle: una vasta pianura con un colle al centro, quasi a dominare tutta la zona.
    Avvicinandoci nuovamente alle montagne ammiriamo dapprima l’eremo Aniés, incredibilmente incastonato tra le rocce, per poi giungere al castello di Loarre: alla conquista della torre più alta! In questo luogo magico, se chiudiamo gli occhi riusciamo a tornare indietro di qualche secolo, e percepire tutto il potere racchiuso tra le mura.
    Risaliti in sella scendiamo al borgo di Murillo, sorto sopra il canyon scavato dal fiume Gállego.
    Pasti inclusi: colazione, pranzo picnic e cena.
    Pernottamento: hotel.

    5° Murillo de Gállego – Sádaba (70 km)
    Un percorso immutato nei secoli! Questi due borghi sono collegati da strette strade sterrate, nella totale assenza di altri villaggi. Percorriamo questi tracciati ammirando la macchia mediterranea che cerca di contrastare l’estrema nudità dei “mallos”: roccia e arbusti provano a fondersi, ma almeno qui sembrano due mondi inconciliabili.
    Arriviamo nel pomeriggio a Uncastillo, dominato ovviamente dal castello e proseguiamo lungo la piana fino al paesino di Sádaba.
    Pasti inclusi: colazione, pranzo picnic e cena.
    Pernottamento: hotel.

    6° Sádaba – Parco naturale Bardenas Reales - Saragozza (40 km)
    E deserto sia! Pedaliamo prima su strade secondarie poi su piste sterrate fino a all’aprirsi di uno spettacolo davanti a noi: 42.000 ettari di paesaggio semidesertico!
    In questo luogo, l'erosione della terra a base di argilla, gesso e arenaria ha scolpito forme capricciose creando un ambiente lunare abbellito da dirupi, altopiani, piramidi, castelli di terra e pinnacoli solitari.
    Scendiamo e pedaliamo nel mezzo delle Bardenas affascinati dalla bellezza impareggiabile della natura! Ci gustiamo il nostro picnic nel mezzo di questo antico possedimento reale; nel pomeriggio un transfer ci porta a Saragozza, capoluogo dell’Aragona.
    Per cena possiamo uscire nella zona del “tubo”, dove si ritrova la movida locale, per una cena a base di “tapas y cervezas”!
    Pasti inclusi: colazione e pranzo picnic.
    Pernottamento: hotel.

    7° Saragozza
    Dopo colazione, fine dei nostri servizi.
    Per chi rimane ancora un po’ in città consigliamo di scoprire il centro e di non farsi mancare una visita alla Basilica di Nostra Signora del Pilar.
    Pasti inclusi: colazione.

    Per motivi organizzativi o climatici l’itinerario potrebbe subire modifiche prima e/o durante la vacanza. In caso di chiusure non prevedibili al momento della pubblicazione del programma, sostituiremo la visita con altri luoghi di interesse.

     

  • Caratteristiche

    Il percorso si sviluppa per metà su strade secondarie a basso traffico e per l’altra metà su stradine sterrate.

    L’itinerario è ondulato con alcuni saliscendi raggiungendo un dislivello massimo di 1320 m. L’unica salita un po’ più impegnativa sarà quella che ci farà arrivare al castello di Loarre, ma niente paura, in caso di necessità avremo a disposizione il mezzo al seguito.

     

    Ogni partecipante deve essere in uno stato di forma psicofisica che gli consenta di affrontare l’itinerario.
    In caso contrario, l’accompagnatore potrà escluderlo dalle escursioni che riterrà più impegnative per tutelare l’incolumità del viaggiatore e di tutto il gruppo.

     

  • Come arrivare

    L’aeroporto di Barcellona è collegato con voli diretti a queste città italiane dalle seguenti compagnie aeree:

    • Alitalia da Roma Fiumicino
    • Easyjet da Milano e Napoli.
    • Ryanair da Bologna, Milano, Napoli, Roma, Torino, Venezia.
    • Vueling da Bari, Catania, Milano, Napoli, Firenze, Genova, Palermo, Venezia, Torino, Roma.

     

    Chiedeteci un preventivo: ricordatevi che prima si prenota meno si spende!

     

     

  • Pernottamento e pasti

    Il tour include:
    - 6 pernottamenti in hotel 3/4* e e pousadas.

    Da sapere:
    - riceverete la lista hotel definitiva con il Documento Finale
    - in alcuni casi l'hotel potrà sistemare una parte dei partecipanti in altre strutture collegate
    - può succedere che ci sia una variazione degli hotel, ma rispetteremo sempre la categoria prenotata
    - la classificazione alberghiera varia a seconda dalla nazione (aria condizionata e ascensore, ad esempio, non sono sempre presenti)
    - alcuni hotel vi potranno chiedere un deposito cauzionale con carta di credito che verrà sbloccato alla vostra partenza
    - non tutte le strutture garantiscono la camera doppia con letti separati, in alcuni casi potreste trovare camere matrimoniali con due materassi singoli
    - nei rari casi in cui non si verifichino le condizioni per un abbinamento, a chi viaggia da solo verrà richiesta una quota forfettaria pari al 50% del supplemento singola. Tale supplemento sarà rimborsato in caso si concretizzi in seguito l’effettivo abbinamento.

     

     

  • Bici e accessori

    Ottime mountain bike robuste e affidabili, dotate di cambio a 18 o 24 rapporti con comandi a leva posti sul manubrio. Sono munite di forcella ammortizzata, copertoni anti foratura, borsa laterale impermeabile, portaborraccia, portapacchi, freni a disco e ruote da 27,5 o 29 pollici.

    Le bici elettriche saranno disponibili su richiesta ed in numero limitato.

    Accessori
    Le bici sono equipaggiate con:
    - portaborraccia
    - borraccia
    - casco

    Il casco è obbligatorio.  Potrete portare il vostro da casa o vi verrà fornito in loco.

     

     

  • Materiale informativo

    In un viaggio in gruppo è l’accompagnatore stesso a farvi da guida, per questo non forniamo la descrizione del percorso e le mappe.

    Riceverete quindi via mail:
    - voucher vacanza
    - scheda del viaggio
    - assicurazioni facoltative (se richieste al momento della prenotazione),
    - biglietti aerei (se richiesti al momento della prenotazione).
    - Documento Finale con la conferma dell’orario e del luogo di incontro, indirizzi e numeri di telefono utili, nome e numero dell’accompagnatore, eventuali info personalizzate.

     

     

  • Al vostro fianco

    Accompagnatore Girolibero per tutta la durata del viaggio. I nostri accompagnatori sono persone esperte nel condurre un gruppo in bicicletta e con una formazione dedicata. Sono appassionati viaggiatori e persone intraprendenti, che sanno dare informazioni utili e aiutare in caso di inconvenienti tecnici con la bici.


    Durante il viaggio, in caso di necessità, potete contattare il numero:
    - dell’accompagnatore;
    - di emergenza attivo ogni giorno dalle 8:00 alle 20:00.

     

  • 5 Impressioni di viaggio
    • Laura

      Vacanza del 18-24 agosto 2019

      Pubblicazione 04 settembre 2019

      Ho trovato il viaggio faticoso e non adatto a me, ho deciso di affittare la bici elettrica così sono riuscita a percorrere gli splendidi paesaggi che altrimenti non sarei mai riuscita a vedere.
    • Cristina

      Vacanza del 18-24 agosto 2019

      Pubblicazione 03 settembre 2019

      Un viaggio stupendo dal punto di vista naturalistico e culturale, ogni giorno una varietà di paesaggi incredibile (deserti, canyon, montagne, laghi, campagne sterminate, colline, pascoli e campi assolati) alternati a cittadine con palazzi in stile Liberty, paesini rurali, borghi arroccati, castelli, basiliche romaniche, chiese gotiche, rovine romane.
      Ma attenzione! Un percorso molto impegnativo, è necessario essere ben allenati, avere una certa dimestichezza con la bici, non solo su percorsi asfaltati, ma anche sterrati, i chilometri da percorrere sono molti ogni giorno e con molte salite.
      Il ristoro è assicurato da soste picnic molto curate, quasi pantagrueliche e conviviali e poi a sera da ottimi hotel che accolgono anche i ciclisti neofiti esausti come me, che al massimo avevo fatto 20 km in pianura in 2 giorni e mi sono ritrovata ad affrontare circa 60 km al giorno con un dislivello di quasi mille metri (!).

      Un’esperienza però consigliatissima, da fare! Gambe, fondoschiena e fiato saranno messi a dura prova, ma ne varrà la pena per chi, come me, cerca mete mozzafiato, vuole essere stupito ogni momento, ha sete di bellezze naturali e culturali e vuole viverle in modo attivo e da protagonista (pedala, pedala che altrimenti non si va avanti!).
    • Roberto

      Vacanza del 18-24 agosto 2019

      Pubblicazione 30 agosto 2019

      Destinazione non conosciutissima, questo è probabilmente il giro più bello in catalogo: cinque stelle perché sei non si poteva!

      Una per le stradine della medievale Alquézar, che conducono nell'atmosfera della Reconquista.
      Una per il Far West del Vadiello, delle Bardenas Reales e del treno di Riglos, che arrivano a sorpresa da così vicino portando così lontano.
      Una per il tempo lontano delle chiese romaniche, cittadine e rurali, e del Castello di Loarre, dove allora, su per la strada che vi conduce, si andava in sella per star più comodi che a piè.
      Una per la strada panoramica tra Fuencalderas e Luesia, dove si pedala più in giù che in su per l'asfalto trafficato così poco e bene.
      Per tutti gli hotel, con o senza terme, una per la posada di Uncastillo, dove si arriva scendendo per le viuzze antiche del paese e che accoglie il gruppo per una meritata cenetta conviviale davanti al caminetto.
      Una per i picnic, che ricaricano sempre il gruppo all'ombra, anche nel deserto.
      E una per il gruppo, che deserto e salite e sterrato e ogni altra fatica e disagio supera, in sella o a piè, per (Re)conquistar la meta con tanti bei ricordi in più.

      E se le stelle sono già sette?
    • Andrea

      Vacanza del 18-24 agosto 2019

      Pubblicazione 30 agosto 2019

      Bel viaggio interessante dal punto di vista naturalistico ma impegnativo bisogna essere allenati si visita una Spagna poco nota
    • Margherita

      Vacanza del 18-24 agosto 2019

      Pubblicazione 29 agosto 2019

      Un viaggio indimenticabile, in luoghi poco conosciuti e insoliti. Gli amanti della natura, della storia, del buon cibo potranno trovare in Aragona la meta ideale per un viaggio a suon di pedali!
20
5